Istituto Statale di Istruzione Superiore · Portogruaro · VE

Il giorno 6 aprile 2017, la classe 5ªEipai dell'Istituto Superiore "Mons. V. D'Alessi", assieme ad altri sette studenti dell'Istituto Tecnico ITIS "L. Da Vinci" ha aderito all'iniziativa inserita per la prima volta nel programma Offerta Formativa anno 2016/17 del Comune di Portogruaro e partecipato alla visita didattica alla caserma "L. Capito'" del 5° Reggimento Artiglieria Superga, realtà importante del territorio inserita nel tessuto sociale del Comune di Portogruaro a partire dagli anni '60 del secolo scorso.

I ragazzi, accompagnati dai professori Marchesan Giancarlo e Peduto Antonio, sono saliti in un pullman dell'Esercito Italiano giunto alle ore 8.00 davanti all'Istituto "Da Vinci".

Giunti in caserma, due militari (una femmina ed un maschio) hanno preso in consegna il gruppo scortandolo fino alla piazza centrale per assistere all'alzabandiera.

Alzabandiera Bandiera issata

I ragazzi sono stati direttamente coinvolti durante lo schieramento delle truppe ed invitati a formare un piccolo plotone che ha assistito di seguito all'alzabandiera, cantato l'Inno Nazionale Italiano, ascoltato la lettura dell'Ordine del Giorno e gli auguri per le festività di Pasqua da parte del Ministro della Difesa Italiana.

Terminato il rituale dell'alzabandiera, i ragazzi sono stati accompagnati all'interno di un'aula magna dove il Comandante, colonnello Edmondo Dotoli, ha illustrato la storia della caserma "L. Capito'" e del 5° Reggimento Artiglieria Superga.

Spiegazioni del comandante

Da notare come la caserma "L. Capitò" abbia ottenuto diversi encomi, tra i quali troviamo la premiazione del Reggimento per la partecipazione alla rimozione delle macerie e l'aiuto alla popolazione durante il terremoto del Friuli nel 1976.

Il Comandante ha inoltre spiegato le diverse partecipazioni alle "missioni di pace" condotte negli ultimi anni dal Reggimento in vari scenari Internazionali e citato la missione chiamata "strade sicure" che occupa diversi uomini nelle principali Città del Territorio Italiano.

Dopo la relazione del Comandante è intervenuto il Tenente Pucci che ha spiegato le modalità per accedere alla leva militare ed alle varie Forze dell'Ordine Italiane. Nel suo intervento ha inoltre sottolineato il valore della "vita" militare e del servizio alla Patria con onestà e fedeltà.

Spiegazioni sull'arruolamento

Successivamente, i ragazzi hanno potuto osservare da vicino alcune attrezzature, comprese le armi, che sono attualmente in dotazione all'Esercito Italiano.

Armi in dotazione

Durante questo passaggio della visita è stato spiegato loro anche il funzionamento del nuovo missile a sistema GPS e del lanciarazzi MLRS Improved, in dotazione alla caserma "L. Capitò", unica ad averlo in tutto il territorio italiano.

Nuovo missile Carro lanciarazzi

Particolarmente interessante è stata la visita alle aule di simulazione del sistema lanciarazzi MLRS Improved con tecnologia GPS.

Sala controllo

Si è passati poi alla visita di alcuni ambienti della caserma come la palestra, i campi di addestramento / allenamento e l'aula arti marziali di difesa.

Palastra

Da questa fase della visita si è potuto percepire come i soldati vengano addestrati quotidianamente, sia fisicamente che mentalmente, per affrontare in qualunque momento situazioni ostili che possano impegnare in azioni all'estero, per portare aiuti umanitari, ma soprattutto per mantenere la sicurezza all'interno del territorio nazionale fornendo, ove necessario, supporto alle Forze dell'Ordine e ai Cittadini italiani.

La visita guidata è risultata molto interessante perchè ha concretamente aiutato i ragazzi a capire il vero sacrificio di uomini e donne che si mettono al servizio della propria Patria per salvaguardare il proprio Paese ed i suoi abitanti.

La classe 5° EIPAI dell'Istituto Superiore "Mons. V. D'Alessi" ed i ragazzi dell'Istituto Itis "Da Vinci" ringraziano calorosamente i Dirigenti Scolastici e il Presidente del Consiglio Comunale per aver permesso di comprendere la realtà di ciò che rappresentano le caserme militari in funzione del mantenimento della pace nel nostro Paese e si augura che sempre più Istituti Scolastici si adoperino per permettere ai propri studenti questo tipo di approfondimento in un percorso di conoscenza.

foto con il comandante

Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità. Se vuoi saperne di più clicca sul pulsante «informativa estesa».
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando qualunque suo elemento o utilizzandone le funzionalità acconsenti all’uso dei cookie.